Logo Comune

20131212_181526.jpg
in evidenza
avviso-chiusura-sito-gov-itSi porta a conoscenza che dal 14/01/2018 è attivo il nuovo sito istituzionale all'indirizzo -...
servizio-di-fatturazione-elettronicaServizio di Fatturazione Elettronica   Denominazione Ente: Comune di Motta Sant'Anastasia Codice Univoco...
parco-urbano-di-via-napoliAPERTO ANCHE DOMENICA MATTINA L'Amministrazione comunale porta a conoscenza la cittadinanza che da Mercoledì 4 marzo 2015 sarà...

 logo suap          logo posta certificata

Date : 18/01/2019

“ZONA” di Mathias Enard (Rizzoli)

“ZONA” di Mathias Enard (Rizzoli)
zonaParagonato alle “Benevole” di Littell (Der Spiegel) e definito “un’Iliade contemporanea” (L’Express), Zona è un clamoroso caso letterario internazionale. Bestseller in Francia con oltre 60.000 copie vendute, ha rivelato il suo autore (classe 1972, trasferitosi a Barcellona dopo aver vissuto a Beirut, Damasco, Tunisi, Venezia e Roma, e aver studiato il persiano e l’arabo) come una delle voci più audaci, originali, indispensabili della sua generazione.
Di notte, un uomo viaggia solo su un treno diretto da Milano a Roma. Ha con sé un ventiquattrore piena di documenti scottanti e il progetto di venderli a caro prezzo a un importante personaggio molto vicino al Vaticano. Il protagonista è una spia francese. Questa dovrebbe essere la sua ultima missione. Nell’arco della sua vita avventurosa e crudele, Francio ha visto e fatto di tutto: è stato soldato nei Balcani in fiamme, trafficante d’armi, agente segreto, traditore e vinto, vittima e carnefice. Il Mediterraneo è da sempre la sua Zona, cuore sanguinante di un’Europa sfigurata dalla barbarie e dalla violenza. Nel relativamente breve tragitto Milano-Roma, ma in 487 pagine, scritte quasi senza punteggiatura, in un flusso di coscienza alla James Joyce, le macerie della vita privata di Francis e i disastri della storia collettiva si fondono in un caleidoscopio di fatti, idee, circostanze, persone. Il catalogo degli amici traditi e degli amori perduti si intreccia a quello delle atrocità perpetrate, delle trame ordite o svelate, dei sogni divenuti incubi.
Un romanzo forte, un pugno nello stomaco, c’è molto sangue e alcol nel suo fluire quasi ipnotico, c’è un grande peregrinare nei vari approdi del Mediterraneo, c’è un lungo viaggio per nulla superficiale nella Zona. Enard ha saputo elaborare magicamente racconti e testimonianze raccolti a Barcellona, Beirut, Damasco, Zagabria, Algeri, Sarajevo, Belgrado, Roma,  Trieste, Istanbul, per costruire un affresco di grande respiro, possibile solo ai giganti della letteratura.
La lettura è un tunnel che sembra non finire mai, ma serve, serve a capire con un testo letterario più di quello che potrebbe venire da un saggio storico. Memorabili la padronanza di molte lingue, la conoscenza di molti popoli e lo spaziare da un cielo all’altro di questa nostra Europa.
Dopo aver scoperto questo grande romanzo, è forte la curiosità di conoscere l’opera successiva di Mathias Enard, quel “Parlami di battaglie, di eri, di elefanti”, finalista al premio Goncourt 2010.
Vito Caruso

tasto protezione civile     tasto ist comprensivo      tasto centro servizi

Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido! Accessibilità |Amministratore | Sitemap | Note legali | Privacy