Logo Comune

20131212_181526.jpg
in evidenza
nota-informativa-ministero-della-saluteNota informativa per la prevenzione ed il controllo dell'epidemia stagionale d'influenza 2016-2017 del Ministero della Salute
piano-nazionale-per-la-prevenzione-delle-epatiti-virali-da-virus-b-e-cAl fine di aderire ad analoga richiesta del Ministero dell'Interno, per mezzo della Prefettura di Catania, si allega, per opportuna...
servizio-di-fatturazione-elettronicaServizio di Fatturazione Elettronica   Denominazione Ente: Comune di Motta Sant'Anastasia Codice Univoco...
parco-urbano-di-via-napoliAPERTO ANCHE DOMENICA MATTINA L'Amministrazione comunale porta a conoscenza la cittadinanza che da Mercoledì 4 marzo 2015 sarà...
segnalazione-di-danni-alle-colture-agrarieSi comunica agli agricoltori che, per supporto tecnico ed assistenza alla corretta segnalazione di danni da grandine del 22 gennaio...
corso-di-formazione-per-operatori-locali-di-progetto-olp Corso di Formazione per Operatori Locali di Progetto (OLP)  
prevenzione-e-contrasto-allo-spaccio-di-sostanze-stupefacenti-e-fenomeni-di-bullismoChiama il 43002 Attività di prevenzione e contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e dei fenomeni di bullismo negli istituti...
il-ministero-dello-sviluppo-economico-per-le-aree-interneIl Ministero dello Sviluppo Economico in visita a MottaIn relazione al Programma di iniziative intraprese dal Ministero dello sviluppo...
avviso-alla-cittadinanzaSi avvisa la Cittadinanza che dal mese di Settembre 2014 presso l'Ufficio Tecnico Comunale sito in via Napoli n.70 sarà attivo il...

    logo suap           logo posta certificata

Nota su “SUDVIRUS- Il piacere di sentirsi terroni

Nota su “SUDVIRUS- Il piacere di sentirsi terroni” di Roberto Zappalà (MALCOR D’ Edizione)
SudvirusIl titolo del volumetto è lo stesso dello spettacolo di danza per sette danzatori, due musicisti e un attore, allestito dalla compagnia Zappalà danza, la quale porta il cognome del coreografo catanese di fama internazionale, Roberto Zappalà, creatore, tra gli altri balletti di maggiore successo, di “Pasolini nell’era di Internet”, selezionato per BIG Torino 2000, e di “A. semu tutti devoti tutti?”, vincitore del premio Danza&Danza 2010, assegnatario, in ultimo (novembre 2013), del Premio dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro, ideatore e direttore artistico, inoltre, dal 2002, a Catania, di Scenario Pubblico, raro esempio in Italia di centro coreografico europeo.
Il libretto di Roberto Zappalà ha la prefazione di Sergio Trombetta, studioso di danza e di cultura russa, il quale scrive di danza per “La Stampa, “Danza&Danza” e “l’Espresso”, contiene l’apporto di Nello Calabrò, filmaker e sceneggiatore, che dal 2001 collabora con la compagnia Zappalà danza come autore dei testi , co/drammaturgo e regista dei video presenti negli spettacoli, una sequenza di foto della creazione Sudvirus, una traduzione in inglese dei predetti testi e una teatrografia sulle produzioni della sua carriera.
Il contenuto della pubblicazione, facente parte del progetto editoriale SCENARIODANZA libri della catanese Malcor D’Edizione, rivolto alla danza contemporanea e alla arti performative, praticate e comunicate attraverso la forza espressiva del corpo e del gesto, e curato dallo stesso Scenario Pubblico attraverso un apposito comitato scientifico, propone una riflessione sul tema della creazione artistica e della “produzione di bellezza” al sud e in tutti i “sud” del mondo.
Il nocciolo del libro è il manifesto artistico di Roberto Zappalà, la sua poetica, calati nel sud del mondo, “dove andrebbe riscoperta una passione civica perduta e anche il sentimento della partecipazione, e dunque il senso dell’appartenenza”. La stella polare che guida la ricerca coreografica dell’autore è il costante recupero del rapporto col migliore patrimonio della Sicilia, quello fatto di ardore, entusiasmo, calore, dignità, generosità, armonia, altruismo e bellezza, considerando l’uomo, il suo corpo e le sue idee, come fonte inesauribile di creatività.
Alla domanda “se serva a qualcosa il sudvirus” Nello Calabrò risponde “serve a essere spietati”, prima verso se stessi e poi verso gli altri, spietati nel senso di liberi, scevri da compromessi, autonomi ed indipendenti.

Vito Caruso

tasto protezione civile     tasto ist comprensivo      tasto centro servizi

Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido! Accessibilità |Amministratore | Sitemap | Note legali | Privacy