Logo Comune

libro sapienza.jpg
in evidenza
nota-informativa-ministero-della-saluteNota informativa per la prevenzione ed il controllo dell'epidemia stagionale d'influenza 2016-2017 del Ministero della Salute
piano-nazionale-per-la-prevenzione-delle-epatiti-virali-da-virus-b-e-cAl fine di aderire ad analoga richiesta del Ministero dell'Interno, per mezzo della Prefettura di Catania, si allega, per opportuna...
servizio-di-fatturazione-elettronicaServizio di Fatturazione Elettronica   Denominazione Ente: Comune di Motta Sant'Anastasia Codice Univoco...
parco-urbano-di-via-napoliAPERTO ANCHE DOMENICA MATTINA L'Amministrazione comunale porta a conoscenza la cittadinanza che da Mercoledì 4 marzo 2015 sarà...
segnalazione-di-danni-alle-colture-agrarieSi comunica agli agricoltori che, per supporto tecnico ed assistenza alla corretta segnalazione di danni da grandine del 22 gennaio...
corso-di-formazione-per-operatori-locali-di-progetto-olp Corso di Formazione per Operatori Locali di Progetto (OLP)  
prevenzione-e-contrasto-allo-spaccio-di-sostanze-stupefacenti-e-fenomeni-di-bullismoChiama il 43002 Attività di prevenzione e contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e dei fenomeni di bullismo negli istituti...
il-ministero-dello-sviluppo-economico-per-le-aree-interneIl Ministero dello Sviluppo Economico in visita a MottaIn relazione al Programma di iniziative intraprese dal Ministero dello sviluppo...
avviso-alla-cittadinanzaSi avvisa la Cittadinanza che dal mese di Settembre 2014 presso l'Ufficio Tecnico Comunale sito in via Napoli n.70 sarà attivo il...

    logo suap           logo posta certificata

Incontro con L'Autore - Rosa Balistreri

Rosa BalistreriRosa Balistreri di Nello Correale e Giuseppe Cantavenere -
Martedì 28 luglio 2015, al Castello Normanno di Motta Sant’Anastasia, rivive la Cantatrice del Sud
 
Sotto il Patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Motta Sant’Anastasia (CT), martedì 28 luglio 2014, alle ore 20:30, al Castello Normanno, verrà presentato il libro “Rosa Balistreri” dello scrittore agrigentino Giuseppe Cantavenere con la proiezione del film-documentario “La voce di Rosa” di Nello Correale. I due Autori presenzieranno l’Evento.
La serata verrà coordinata dall’assessore alla Cultura, dott.ssa Anastasia Distefano.
Dopo i saluti del Sindaco, dott. Anastasio Carrà, i Correale e Cantavenere tratteggeranno la mitica figura di Rosa in una conversazione con il prof. Pino Pesce, direttore del periodico “l’Alba”. Interverranno le attrici Loredana Marino e Luisa Ippodrino, gli artisti Cettina Busacca, Nino Caruso e Carmine Santangelo, i quali ricorderanno con l’occasione il paternese Cicciu Busacca che toccò la notorietà artistica grazie alla scoperta di Dario Fo.
«Struggente e appassionata, Rosa Balistreri, davanti a un registratore, pochi mesi prima della morte prematura racconta a Giuseppe Cantavenere la sua vita in una Sicilia violenta. […] Rosa conosce la fame, le umiliazioni, gli aspetti brutali della vita che ha cadenze da tragedia greca. Non si piange addosso, impreca e canta, il canto come liberazione Fugge dalla Sicilia verso la libertà e si ferma a Firenze.
Poi fortuna insperata, partecipa ad una commedia di Dario Fo […].
Muore il 20 settembre 1990 a seguito di un ictus che la coglie durante uno spettacolo in Calabria.» (Dal quarto di copertina del libro “Rosa Balistreri” di Giuseppe Cantavenere, Salvatore Sciascia Editore).
Dalla biografia di Cantavenere e da testimonianze filmiche e televisive, Nello Correale, ispirandosi al neorealismo, ricostruisce apientemente la figura di una Grande Cantante che ha fatto uscire la canzone popolare siciliana dal ghetto dandole dignità musicale e culturale.
Si legge nella parte posteriore della custodia del DVD: «Rosa Balistreri appartiene all’immaginario più profondo della Sicilia, esponente di un certo modello di attivismo culturale. Un’ icona che rappresenta in maniera forte e completa il rapporto difficile, di odio e amore, che molti siciliani, forse quelli dallo spirito più libero e irrequieto, hanno nei confronti della loro terra.» E ancora: «Ha cantato la Sicilia come nessun altro, il suo è stato il vero canto popolare, ciò che per gli schiavi afro-americani era il blues; come loro ha cantatola terra, il carcere, la violenza subita, l’ingiustizia, un amore profondo per ciò che faceva.» Quindi «Questo film documentario è un omaggio all’artista attraverso le sue canzoni, e allo stesso tempo racconta un momento della storia sociale e culturale della Sicilia, quando i protagonisti si chiamavano Sciascia, Guttuso, Consolo, Buttitta.»
Santy Caruso

tasto protezione civile     tasto ist comprensivo      tasto centro servizi

Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido! Accessibilità |Amministratore | Sitemap | Note legali | Privacy